Webinar "Cultura digitale e cultura della collaborazione"

letto 828 voltepubblicato il 27/10/2014 - 18:02 nel forum Forum generale, in Cultura digitale

Vi ricordo che domani, martedì 28 ottobre, si svolgerà il webinar Cultura digitale e cultura della collaborazione. Le iscrizioni sono ancora aperte su Eventi PA fino alle ore 11.00 di domani, di seguito riporto la presentazione del webinar e il programma.

Presentazione
Il quadro strategico delle politiche di innovazione, che include sia l’area delle Smart City e delle Smart Community sia l’area più generale dell’Open Government, ha come condizione essenziale per la sua attuazione la presenza diffusa di una cultura digitale e della partecipazione. La cultura digitale, sia dei cittadini che della pubblica amministrazione, va ben oltre la semplice abilità nella gestione e nell’uso delle piattaforme di partecipazione online. Si tratta di raggiungere quella “consapevolezza digitale” necessaria per il pieno esercizio dei diritti di cittadinanza e della partecipazione attiva e, dal punto di vista dell’amministrazione, per la sua efficace messa a sistema. Il webinar presenta il quadro metodologico, le possibili linee di intervento, e si articola anche attraverso la narrazione di due esperienze di eccellenza.

Programma
12.00 - Accoglienza
12.05 - La cultura della collaborazione, Giuseppe Iacono (Coordinatore del gruppo di lavoro Competenze per la cittadinanza digitale, inclusione digitale)
12.45 - L'esperienza della Regione Umbria, Giovanni Gentili (Regione Umbria)
13.05 - L'esperienza del Consorzio degli enti locali della Valle d’Aosta, Donatella Vuillermoz (CELVA)
13.25 - Domande finali
13.30 - Chiusura webinar

7 commenti

Gianluca Affinito

Gianluca Affinito29/10/2014 - 08:32

Vi riporto quanto dichiariamo nella pagina Come partecipare a un webinar di Formez PA: "Per i webinar di Formez PA viene attestata l'avvenuta iscrizione all'evento. Tenendo conto che si tratta di attività erogate durante gli orari di lavoro, l'effettiva partecipazione deve essere verificata direttamente dalla amministrazione di appartenenza."

A presto
Gianluca

 

Raffaele Paparella

Raffaele Paparella29/10/2014 - 13:39 (aggiornato 29/10/2014 - 13:39)

Ciao Gianluca,

Dici che "Tenendo conto che si tratta di attività erogate durante gli orari di lavoro, l'effettiva partecipazione deve essere verificata direttamente dalla amministrazione di appartenenza".

E per coloro che sono esterni alla Pubblica Amministrazione (il mio caso) ma che partecipano al Webinar per cultura o per migliorare la loro conoscenza nelle relazioni con la PA?

Dalla tua risposta deduco che i Webinar sono stati pensati con un'ottica rivolta esclusivamente a coloro che sono interni alla PA. 

Può essere, ma se effettivamente lo è esprimo il mio dissenso da una simile concezione che mi appare circoscritta, riduttiva ed escludente.

Grazie

ciro spataro

ciro spataro29/10/2014 - 13:57 (aggiornato 29/10/2014 - 13:57)

chiarissimo quanto scritto nella pagina "come partecipare a un webinar di Formez PA".

Nell'era delle piattaforme digitali abilitanti (Anno Domini 2014), degli open data, dei big data, dei linked data, del cloud, del Piano nazionale per le competenze, formazione e cultura digitale dell'AGID, dell'Agenda Digitale, del trionfo dell'ICT in ogni ambito e sfera della nostra quotidianità, in poche parole nell'era della cultura digitale (webinar docet), credo che qualche dipendente delle varie PA italiane (da Porto Palo di Capo Passero a Bressanone) avrà qualche seria difficoltà per farsi "attestare" dal suo dirigente che ha partecipato al webinar sulla cultura digitale. Il suo dirigente preso dalle mille emergenze/incombenze/doveri/... probabilmente non troverà tempo/modalità/... a 1) scrivere con un editor l'attestato di partecipazione al dipendente, 2) stamparlo, 3) firmarlo e se va bene 4) non protocollarlo e metterci qualche timbro ad inchiostro dell'Ente (protocollo e timbri = pilastri portanti della PA italiana!).

Formez PA ha le piattaforme digitali per 1)  ricevere le iscrizioni ai webinar, 2) avviare i webinar e permettere la partecipazione degli interessati (cioè il numerino che si trova in alto riportante quanti sono i partecipanti). Rimanendo "coerenti" con la cultura digitale (e quanto appreso nei webinar su cultura digitale) non credo sarebbe un impresa epica chiedere a qualche sviluppatore (o smanettone informatico) del Formez (o di eventuali aziende ICT che cura i servizi dei webinar) di far generare alla stessa piattaforma digitale l'elenco (nomi, cognomi) dei partecipanti, confezionandolo possibilmente in un unico formato pdf e posizionandolo (come processo automatico) nella pagina web dell'evento del webinar. Nel 2014 chiedere questo è sciocchezza per il lavoro di uno sviluappatore di medie/scarse conoscenze/competenze. Se poi alla piattaforma digitale utilizzata si facesse generare un elenco dei partecipanti in open data, sarebbe una vera chicca digitale (e innovatoripa.it farebbe pure open data).

W la .

Questo commento vuole essere solo uno stimolo (propositivo!) al Formez, non è assolutamente da ritenersi come critica. Apprezzo enormemente tutte le iniziative online del Formez e non mi stancherò mai di ringraziare tutti quelli che permettono la formazione e la divulgazione della cultura digitale attraverso internet (-> innovatoripa.it).

Grazie di cuore

 

ciro spataro

ciro spataro29/10/2014 - 08:22

salve

tmpo fa anche io ho rilevato ce l'attestato è relativo all'iscrizione. Credo che per chi gestisce i webinar (iscrizione e messa online del servizio) è facile ottenere il dataset degli iscritti, probabilmente con la piattaforma digitale che usano (dico probabilmente) è difficile rilevare chi ha partecipato. Durante lo svolgimento dei webinar, infatti si vede sullo schermo il numero dei partecipanti, ma se il partecipante non chatta scrivendo qualcosa, non si ha prontezza di chi effettivamente sta seguendo online il webinar. E' una mia supposizione, solo chi gestisce i webinar potrebbe confermare o smentire tale supposizione. 

Faccio parte di una grossa PA del sud, e da noi l'attestato di partecipazione ai webinar non costituisce punteggio valido da utilizzare in eventuali concorsi interni per avanzamenti di livello. E' solo un attestato da aggiungere al proprio CV per cultura/competenze personali aquisite nel tempo. Non so in altre PA italiane. Da noi valgono (per avanzamenti di livello) gli attestati di partecipazione ai corsi che la stessa PA locale organiza o commissiona all'esterno e inseriti nel Piano annuale della formazione dei dipendenti. Un concetto obsoleto ormai, ma è così. 

Comunque sono d'accordo con voi sul fatto di preferire l'attestato di partecipazione (cioè ero presente, ho seguito il percorso di formazione online, ho aquisito conoscenza nuova), piuttosto che l'attestato di iscrizione (mi sono iscritto ma posso non aver seguito il webinar).

saluti

 

 

Pasquale Meli

Pasquale Meli29/10/2014 - 07:47

Concordo con Raffaele Paparella sull'importanza della corretta dicitura dell'attestato di "partecipazione".

La semplice "iscrizione" ad un webinar non prevede l'obbligo di  parteciparvi.

Buona giornata e buon lavoro.

Raffaele Paparella

Raffaele Paparella28/10/2014 - 17:47 (aggiornato 28/10/2014 - 17:47)

Salve,

ho partecipato al webinar, compilato il questionario e scaricato l'attestato. A tal proposito ho notato che l'attestato riporta la dicitura "si è iscritto al Webinar" e non "ha partecipato al Webinar". Si capisce la differenza tra "iscrizione" e "partecipazione". Sicchè ho rivisto i miei precedenti attestati e tutti riportano la stessa dicitura "si è iscritto ...".

E' possibile ottenere un attestato (per coloro che effettivamente partecipano) in cui è scritto, appunto "ha partecipato al Webinar"?.

Grazie

Paolo Porcaro

Paolo Porcaro27/10/2014 - 20:23 (aggiornato 27/10/2014 - 20:23)

Se domani riesco a connettermi, forse vi faccio una sorpresa ;-)