L’approfondimento - Spendere meglio è possibile? Le esperienze di spending review raccolte dall’Osservatorio. Contenimento e ottimizzazione dei costi fissi in Provincia di Chieti

letto 269 voltedomanda inserita il 17/11/2014 - 14:52, in Osservatorio Spending Review

Il progetto finalizzato al contenimento e all’ottimizzazione dei costi fissi della Provincia di Chieti è stato avviato nel 2009 ed è ad oggi in corso di realizzazione. Dall’analisi dell’esperienza è emersa la particolare sensibilità che l’amministrazione mostra da tempo alle tematiche ambientali: anche attraverso la propria Agenzia per l’energia ALESA, la Provincia ha avviato dai primi anni duemila diverse iniziative per il risparmio energetico, confluite nel 2009 nell’adesione alla “Covenant of Mayors” con predisposizione dei PAES per tutti i 104 Comuni del territorio e della Provincia stessa. Tra le tipologie di spesa aggredite, che sono diverse (personale, organi politici, mobilità e trasporti, gestione del patrimonio, gestione ICT, gestione delle scuole), si segnala infatti quella relativa all’acquisto di beni e servizi di funzionamento, in particolare relativamente alle utenze (elettriche e di riscaldamento), alla manutenzione del parco macchine e ai carburanti. Lo scorso anno la Provincia di Chieti ha ricevuto la menzione speciale della Giuria del ManagEnergy Award 2013 nell’ambito della Settimana europea dell’Energia Sostenibile (EUSEW 2013), grazie al progetto “Chieti verso il 2020”. L’iniziativa dell’ente è nata per rispondere a diverse esigenze, oltre quella di rispettare il piano pluriennale di riequilibrio (2013/2022): ridurre la spesa nell’immediato, ridefinire le politiche e i servizi prioritari, migliorare l’efficienza e l’efficacia dei servizi, migliorare l’efficienza dell’organizzazione, razionalizzare i processi produttivi, migliorare la qualità dei servizi. Tra le azioni condotte si segnala l’approvazione del “Codice comportamentale in materia di uso razionale dell’energia da parte degli amministratori e del personale dipendente dell’ente nonché dei fruitori esterni”. Sono stati coinvolti anche alcuni stakeholder chiave attraverso sia convegni e conferenze che incontri one to one, tra cui gli utenti interni, i Direttori didattici ed amministrativi delle scuole, i fornitori. La Provincia ha ottenuto non solo una riduzione dei costi, ma anche miglioramenti organizzativi attraverso l’incremento dell’efficienza dell’organizzazione e un aumento della sensibilità e della consapevolezza del personale, degli amministratori e degli utenti ad adottare comportamenti virtuosi. Tutti i dettagli dell’iniziativa possono essere consultati nella scheda descrittiva e nella documentazione allegata.