L'approfondimento - Spendere meglio è possibile? Le esperienze di spending review raccolte dall’Osservatorio. L’efficienza energetica: Il Progetto Lumiere dell’ENEA.

letto 488 voltedomanda inserita il 27/10/2014 - 14:43, in Osservatorio Spending Review

L’illuminazione pubblica costituisce una delle maggiori voci di spesa energetica dei Comuni italiani, per la quale oggi si aprono ampi margini di riduzione dei consumi grazie all’affermarsi di tecnologie efficienti.

Il Progetto Lumière di ricerca e trasferimento strutturato dall’ENEA ha, infatti, come obiettivo quello di promuovere l'efficienza energetica in questo settore e in particolare favorire la riduzione dei consumi degli impianti d'illuminazione pubblica di competenza dei Comuni.

Il Progetto è rivolto ai Sindaci ed agli amministratori, e mira a supportare le amministrazioni nella programmazione e realizzazione d’interventi di efficientamento dei loro impianti d’illuminazione pubblica e nell’acquisizione di una maggiore competenza e consapevolezza nella gestione energetica del territorio.

Nel corso della sua attività il Progetto ha creato un percorso strutturato per l’assistenza alle amministrazioni in tema di efficientamento energetico, grazie al quale è possibile avviare audit energetici e impianti sperimentali di illuminazione pubblica efficiente.

Altri pilastri dell’iniziativa sono la costante ricerca scientifica, le attente attività di promozione e diffusione sull’efficienza energetica e la formazione rivolta agli amministratori pubblici.

 

In allegato la scheda descrittiva 

5 risposte

Roberto Formato
+1
0
-1
Roberto Formato01/11/2014 - 18:36

Ciao Donatella,

segnalazione molto interessante. Ho però una domanda (al posto della risposta): ti risulta che il progetto Lumiere sia ancora attivo? E' possibile per i Comuni candidarsi a partecipare ora?

Grazie!

Donatella  Imparato
+1
0
-1
Donatella Imparato03/11/2014 - 11:39

Ciao Roberto,

il Progetto Lumiere è ancora attivo ed è possibile per i Comuni aderire alle attività compilando la scheda di adesione disponibile nella homepage del sito oppure compilando il form on line nella sezione - . In entrambi i casi vi consiglio di specificare nelle note che si desidera partecipare al percorso Lumiere di assistenza o solo ricevere info sul progetto e le sue iniziative, in modo da facilitare ed orientare il contatto con lo staff di progetto.

Ho appena sentito la dott.ssa Giuliani, una delle referenti ENEA del Progetto Lumiere, che conferma la sua totale disponibilità a fornire ogni informazioni e chiarimento sulle attività. I riferimenti di referenti ENEA sono disponibili nella pagina

Saluti

Roberto Formato
+1
0
-1
Roberto Formato06/11/2014 - 08:40 (aggiornato 06/11/2014 - 08:40)

Ciao Donatella,

grazie molto della risposta. Segnalerò l'opportunità ad alcuni Comuni che stannno realizzando un Piano d'Azione per l'Energia Sostenibile.

Maria Fiore
+1
0
-1
Maria Fiore17/11/2014 - 11:24

Segnalo il convegno organizzato dalla Provincia di Treviso con il patrocinio dell’ARPAV e tenutosi il 16 giugno u.s. “Pubblica illuminazione tra inquinamento luminoso, efficienza energetica e spending review” rivolto al personale tecnico di tutti i Comuni della Provincia.

L'evento si colloca all'interno delle numerose iniziative organizzate su tutto il territorio regionale per la "Settimana Europea per l'Energia Sostenibile (EUSEW)", promossa dalla Commissione Europea. La Regione del Veneto ha aderito alla settimana promuovendo gli "Energy Days", una serie di eventi il cui obiettivo è fornire ai cittadini una corretta informazione sui comportamenti e abitudini volti al risparmio e all'efficienza energetica nonché al corretto utilizzo delle fonti rinnovabili.

Nel corso dell’evento si è fatto il punto sul processo di pianificazione energetica della Regione Veneto, sugli obblighi ed opportunità per i Comuni derivanti dalla LR 17/2009 e sono state presentate alcune interessanti esperienze in materia di risparmio energetico e gestione degli appalti di illuminazione pubblica (Comune di Roncade e Piove di Sacco).

 

In allegato del convegno disponibili dal sito dell’amministrazione provinciale.

Roberto Formato
+1
0
-1
Roberto Formato18/11/2014 - 21:48 (aggiornato 18/11/2014 - 21:48)

Grazie Maria, ho letto con attenzione le relazioni, in particolare quella che racconta come il Comune di Piove di Sacco abbia perseguito un risparmio energetico di circa 70mila euro all'anno.

Il caso è, a mio avviso, molto interessante perchè non si limita a "raccontare" una storia di risparmio, ma lega questo a indicatori di performance legati all'impatto finale dell'azione, in particolare in termini di sicurezza (attraverso parametri quali sicurezza stradale, sicurezza percepita da parte dei cittadini). Dunque non meri indicatori di "economicità".