Mancata fruizione delle ferie per malattia

letto 1579 voltepubblicato il 14/03/2013 - 09:48, in Servizi per l'Impiego

La Corte di Cassazione ha stabilito il diritto all'indennità sostitutiva per le ferie non godute e in caso di cessazione del rapporto di lavoro. Il caso riguardava un dipendente al quale al momento della risoluzione del rapporto di lavoro non veniva riconsociuta l'indennità. Secondo quanto previsto dal Contratto Collettivo di lavoro, tale indennità spetta soltanto per assenze motivate da "documentate esigenze di servizio". I Giudici della Suprema Corte hanno stabilito che tali previsioni sono illegittime per il contrasto con norme imperative. La Corte sottolinea che il diritto irrinunciabile alle ferie è garantito dall'articolo 36 della Costituzione e che il pagamento del periodo non goduto, oltre ad avere carattere risarcitorio per il mancato recupero delle energie psico-fisiche, per la mancata possibilità di dedicarsi a relazioni familiari e sociali e di svolgere attività ricreative e simili, costituisce un'erogazione di natura contributiva, rappresentando il corrispettivo dell'attività lavorativa resa in un periodo che, pur essendo di per sè retribuito, avrebbe dovuto essere non lavorato perchè destinato al godimento delle ferie annuali.