Limiti di spesa per gli EE.LL. nell'acquisto di arredi

letto 1484 voltepubblicato il 10/10/2014 - 12:42, in Osservatorio Spending Review

La Regione autonoma Friuli Venezia Giulia ha espresso un interessante parere in merito ai limiti che i Comuni devono osservare in materia di acquisto arredi. Il testo vigente dell'art. 1, comma 141, della l. 24 dicembre 2012, n. 228, nel limitare la spesa per l'acquisto di mobili e arredi da parte delle amministrazioni pubbliche al 20 per cento della spesa sostenuta in media negli anni 2010 e 2011, consente una deroga, qualora l'acquisto sia funzionale alla riduzione delle spese connesse alla conduzione degli immobili previa verifica che i risparmi realizzabili con l'acquisto degli arredi siano maggiori rispetto alla minor spesa che deriverebbe dall'applicazione del citato limite. Compete, quindi, a ciascuna amministrazione verificare, nell'ambito della propria autonomia, la presenza delle condizioni per l'applicazione della deroga descritta, tenendo conto che la violazione della norma in commento è valutabile ai fini della responsabilità amministrativa e disciplinare.

Invece, circa la possibilità a partire dall'anno 2015 di effettuare o meno gli acquisti in commento senza restrizioni, essa dipenderà, ovviamente, dall'intervento di eventuali disposizioni legislative che stabiliscano anche per tale annualità limitazioni di spesa per l'acquisto di arredi.

Il Parere Protocollo 24559 del 19/09/2014 è stato espresso dal Servizio Affari Istituzionali e Locali, Polizia Locale e Sicurezza.