Garanzia Giovani fa il bis nel 2016

letto 720 voltepubblicato il 02/02/2016 - 11:30, in Politiche per i Giovani

A 20 mesi dall’avvio di Garanzia Giovani, i dati relativi all’attuazione del PON “Iniziativa Occupazione Giovani” confermano l’interesse e il successo suscitato a livello nazionale tra i giovani nella fascia di età compresa tra i 15 ed i 29 anni (NEET). Tale interesse è confermato dalle 900 mila registrazioni al Programma, con un trend di adesioni che non accenna a diminuire.

Le principali modifiche, che verranno apportate nelle prossime settimane alla strategia, hanno come obiettivo quello di incrementare la qualità delle proposte offerte ai giovani, riducendo la convenienza relativa per azioni a basso valore aggiunto come l’orientamento e cercando di tramutare molti dei tirocini effettuati nella prima fase del programma in veri e propri posti di lavoro.

  • Per l’orientamento saranno ridotte da 8 a 4 le ore massime da dedicare ai giovani partecipanti.
  • Sul fronte tirocinio, si ridurrà a 300 euro mensili il limite di compartecipazione del programma al finanziamento dell’indennità di partecipazione, correlativamente aumentando la necessaria compartecipazione del soggetto ospitante (anche per renderlo più consapevole dell’importanza del tirocinio stesso). Sarà introdotto, dal 1° marzo al 31 dicembre 2016, uno speciale bonus (di ammontare doppio rispetto a quello già previsto) per incentivare l’assunzione dei giovani che abbiano partecipato ad un tirocinio nell’ambito del programma stesso.
  • Parte, inoltre, la misura nazionale di incentivazione dell’autoimpiego: è stato infatti concluso l’accordo con Invitalia che ha portato alla nascita di SELFIEmployment, il fondo rotativo con dotazione iniziale di 124 milioni di euro destinato al finanziamento delle iniziative di autoimpiego e di autoimprenditorialità avviate dagli iscritti a Garanzia Giovani.

[Articolo completo sulla ]