Il rinnovo della concessione non può essere «tacito»

letto 572 voltepubblicato il 14/06/2017 - 07:59, in FORUM APPALTI, Integrità, Open Government, Sviluppo Locale

Nei contratti di concessione la volontà della pubblica amministrazione di procedere al rinnovo deve sempre essere manifestata espressamente ed in forma scritta a nulla rilevando, a tali fini, un mero «comportamento concludente» di tolleranza o di inerzia della stessa Pa. È questo il principio affermato dal Tar Lazio, Roma, con la sentenza n. 6764 dell’8 giugno 2017. (fonte: Quotidiano Enti locali e Pa - Sole 24h)