Usi creativi dei dati pubblici

letto 1150 voltepubblicato il 18/05/2009 - 11:02 nel blog di Paolo Subioli

Segnalo a questa community un interessante di Raffaele Mastrolonardo, il quale presenta un'ampia rassegna di siti web 2.0 realizzati da privati utilizzando dati pubblici. Molti di questi siti riguardano la trasparenza rispetto all'attività dei rappresentanti politici eletti (compreso il nostro ), ma ci sono anche i casi di amministrazioni che hanno messo liberamente a disposizione dei cittadini database pubblici per incentivarne usi creativi. A me pare che, nel mondo, le più interessanti applicazioni web 2.0 di interesse pubblico siano proprio di iniziativa privata, e quest'articolo sembrerebbe confermarlo.