Una "bella! " sorpresa che...la dice lunga....!

letto 2518 voltepubblicato il 05/01/2011 - 13:17 nel blog di Salvatore Agostino Aiezza

Leggo sui giornali di oggi che il Ministro Tremonti ha "tagliato" i fondi per l'informatizzazione del Ministero di Grazia e Giustizia e,di conseguenza,per i Tribunale e gli altri Ufficii giudiziari si preparerebbero tempi duri salvo,come ha precisato il Ministro Alfano,anch'egli evidentemente preoccupato della situazione,un ripensamento del titolare dell'Economia e Finanze.

Cosa pensare di questo taglio? in che considerazione viene,davvero,tenuta la p.a. e l'innovazione? dove è finito il "contestatore e riformatore" Ministro Brunetta?

Chi sà chi lo sà...così intitolava una vecchia trasmissione televisiva destinata ai piccoli degli ani 60....

11 commenti

Attilio A. Romita

Attilio A. Romita07/01/2011 - 15:01
......la storia continua. La storia del fax pensionato narrata da Salvatore è un ottimo esempio che talvolta la "cocciutaggine innovativa" è premiata. Allora inaugureremo un'altra figura positiva che si accosta al Burusaurus Innovans: il Burusuraurus Cocciutus! Speriamo che quanto la stirpe "Buurusaurus" si estingua e sopravvivano solo lo Innovans ed il Cocciutus nella nuova fora di Homo Pubblicus Novo che ha in orrore bolli todi e codicilli!
Attilio A. Romita

Attilio A. Romita05/01/2011 - 23:16
......... vedi il commento più in alto "La giustizia che varia in Italia". Certo che è più facile dire "piove governo ladro" piuttosto che "guardiamoci allo specchio e ....inorridiamo!"
Attilio A. Romita

Attilio A. Romita05/01/2011 - 21:58
L'innovazione è importane e tutti siamo d'accordo. L'innovazione passa anche per l'informatizzazione e tutti siamo ancora d'accordo. Le leggi italiane sono uguali non solo per tutti, ma anche su tutto il territorio nazionale. Le dotazioni informatiche di tutti gli organi di giustizia italiani sono, all'origine, uguali per tutti. Le dotazioni economiche delle varie sedi non credo siano decise in base a preferenze politiche o al colore dei capelli dei giudici. Ma se tutte le precedenti uguaglianze sono vere, perchè la durata medie delle cause ha valori molto differenti tra le varie sedi con assoluta indifferenza circa la collocazione giografica? Forse la reale differenza è fatta da giudici capaci e giudici buropletocrati: ai posteri l'ardua sentenza, come diceva il poeta, ma per adesso non meniamo il can per l'aia con la scusa delle risorse: forse da qualche parte si usano bene e da qualche parte si sprecano? Forse dopo i giusti tagli economici per obbligare ad usar bene le risorse, forse sarebbe utile qualche taglio di teste!
Pietro Bin

Pietro Bin05/01/2011 - 14:35
Sicuramente il taglio dei fondi non rendera' piu' efficiente il Ministero di Grazia e Giustizia, pero' l'inefficienza della giustizia dipende pochissimo dall'informatizzazione. Probabilmente bisogna cambiare la testa (ma radicalmente) di chi gestisce e lavora nel settore della giustizia, credo che l'ambiente sia uno dei piu' sclerotizzati della P.A., probabilmente piu' del catasto. In quell'ambiente, penso provocatoriamente, che il taglio lo dovrebbero fare su qualche stipendio.
Salvatore Agostino Aiezza

Salvatore Agostino Aiezza05/01/2011 - 18:44
Se vogliamo parlare di inefficienze,del Ministero di Grazia e Giustizia, nel caso di specie, o piu' in genere facciamolo pure ma è tutt'altra cosa rispetto alla considerazione che si voleva fare sulla valutazione dell'importanza dell'innovazione (che passa naturalmente dalla informatizzazione) da parte dei nostri governanti punto. Che poi ci sia l'inefficienza si aggiunge e certamente renderà ancora più "sclerotico" come tu dici giustamente,il settore della giustizia. E comunque leggo le ultime ANSA e sembra che la questioone sia rientrata.
Pietro Bin

Pietro Bin05/01/2011 - 22:53
Quello che volevo dire e' che l'informatizzazione porta ad una maggior efficienza solo a condizione che l'organizzazione sia gia' strutturalmente organizzata, se questo non succede e' inutile pensare al software e all'hardware, serve l'org-ware. Per farti un esempio: Tre anni fa ho fatto il giudice popolare in corte d'appello a Venezia, Per scegliere 6 giudici popolari il tribunale convoca 50 persone (dico 50 persone) che perdono mezza giornata per la selezione. Come puoi immaginare la cancelleria ha fatto 50 convocazioni, con la vecchia macchina da scrivere; ha fatto 50 mandati di pagamento per il rimborso spese, sempre con la vecchia macchina da scrivere; diciamo che la segreteria ha lavorato 3 giorni per fare questo lavoro manualmente, con l'informatica diciamo che ci sarebbero volute 1 giorno. Valutiamo i costi dell'operazione manuale Giorni di lavoro della cancelleria 3 giorni Giorni di lavoro dei carabinieri per la notifica 50 X 20 minuti 2 giorni Giorni persi dai 50 cittadini 25 giorni --- 30 giorni Valutiamo i costi dell'operazione infornatizzata Giorni di lavoro della cancelleria 1 giorno Giorni di lavoro dei carabinieri per la notifica 50 X 20 minuti 2 giorni Giorni persi dai 50 cittadini 25 giorni --- 28 giorni (risparmio 2 giorni) Se si modifica l'organizzazione convocando solo 10 persone visto che in realta' ne servono solo 6 Valutiamo i costi dell'operazione senza informatizzazione Giorni di lavoro della cancelleria 1/2 giornata Giorni di lavoro dei carabinieri per la notifica 10 X 20 minuti 1/2 giorni Giorni persi dai 10 cittadini 5 giorni --- 6 giorni Morale della favola: che cavolo andiamo ad informatizzare per innovare, quando basterebbe solo riorganizzare (anzi organizzare) il lavoro.
Salvatore Agostino Aiezza

Salvatore Agostino Aiezza07/01/2011 - 10:20
Se così è, e lo è,- "... maggior efficienza solo a condizione che l'organizzazione sia gia' strutturalmente organizzata"- allora è anche da rivedere se non tutto, buona parte delle impostazioni del nostro lavoro ma,ancora prima,chi (i politici) si occupa di organizzare la macchina amministrativa dello Stato,deve sapere cosa vuole, non fare le cose,chiamiamole come si conviene: "alla carlona". promulgando leggi e leggine;CAD vari,PEC e tante parolone di cui ci si riempie solo la bocca e su cui tutti poi sono capaci di parlare e discernere salvo poi accorgersi che vanno ad incidere su un sistema organizzativo del lavoro certamente rimasto ancora indietro e di cui l'esempio che citi è solo uno dei tantissimi nei modi di operare della p.a.: Allora occorreva partire da una poderosa e coraggiosa e soprattutto (come dice da sempre Attilio) RISPETTATA E FATTA RISPETTARE ANCHE CON LA FORZA (della Legge naturalmente!!) riforma del lavoro e delle procedure,degli archivi,della dematerializzazinne,dei mezzi e,dopo, avviare i piani di e.gov,open date, albi on line,firme digitali ecc.ecc.ecc. Come se ne esce,altrimenti?
Attilio A. Romita

Attilio A. Romita07/01/2011 - 13:16
....di spiegarmi. Provo con un esempio, pregando tutti di interpretare lo spirito delle parole: se una nuova legge dice (o dicesse): tutte le persone della PA devono avere una Casella di Posta Elettronica Certificata e, con tutti i cittadini in possesso di Casella di Posta Elettronica Certificata, DEVONO usare le e-mail per qualsiasi tipo di comunicazione; chi critica o usa sistemi diversi da quanto sopra previsto verrà punito .....con il taglio della mano. Se questa legge esistesse (ma forse esiste già leggendo i vari CAD e simili), pensate che verrebbe applicata o forse anche il Burusaurus Rex ed il Luguleio Princeps non troverebbero una scappatoia per dar si che, gattopardoscamente, tutto cambi perchè nulla cambi. La "poderosa riforma" deve essere fatta, appliccando la legge, dal Burusaurrus Innovans che è anche pagato per organizzare meglio il lavoro della amministrazione di cui è responsabile a partire dai Grandi Capi dei Ministeri (non so come si chiamano adesso se Direttori Generali o Capi Dipartimento o simili) per scendere sino in fondo nella scala gerarchica. Per fare un esempio di "sistemazioni procedurali e riorganizzazione di uffici" vorrei richiamare l'attenzione su alcuni Tribunali Italiani che funzionano e non hanno arretrati ed altri che stanno ancora decidendo la causa contro Cagliostro. Le leggi che regolano questi uffici sono le stesse, i soldi che ricevono sono gli stessi, i sindacati sono gli stessi ....eppure in questi casi le cose vanno bene perchè un Burusaurus Innovans ha dato un calcio "dove meglio si stampa" al Burusaurus Rex! Mi farebbe tanto piacere, e con me a molti Clienti della PA, se invece di aspettare la manna dal cielo...ci si rimboccassero le maniche e si cominciasse a lavorare invece di cavillare sulla terza virgola a destra della nuova legge. E tanto per finire un altro esempio: si legge da molte parti che certi uffici non hanno finanziamenti sufficienti neanche per la carta delle fotocopie: sarebbe bello se tutte le fotocopie e le fotocopiatrici fossero abolite e tutto fosse digitalizzato in un solo posto e a disposizione di tutti.....ma è vero la Befana e Natale sono passati e forse bisognerà aspettare il prossimo anno per chiedere nuovi regali a Gesu Bambino! Auguri a tutti per un meraviglioso 2011!
Salvatore Agostino Aiezza

Salvatore Agostino Aiezza07/01/2011 - 13:44
Ti faccio anche un altro esempio,banale,se vuoi,ma concreto: Il fax che era nel mio ufficio riceveva decine e decine di richieste AL GIORNO, da parte di vari consolati e ambasciate sparsi nel mondo per pratiche di nostri connazionali residenti fuori Italia. Da quando ho avuto attivata la PEC (quai un anno) ho iniziato a risponderli solo con questo mezzo e,ogni volta che mi facevano solleciti,per fax,io li rispondevo nuovamente per PEC. La prima,seconda,terza volta.....ora le richieste mi arrivano solo per PEC e la risposta è quasi in tempo reale.... e il fax è quasi del tutto inutilizzato. Ti chiedo: Non è quindi anche compito nostro,dei dipendenti intendo dire, cercare di "costringere" chi è più duro di comprendonio ad utilizzare tutto ciò che di nuovo abbiamo a nostra disposizione per migliorare e migliorarci?
Attilio A. Romita

Attilio A. Romita07/01/2011 - 20:02
.....ho sempre lavorato in società private e questo ha sicuramente condizionato molti miei modi di pensare. Inoltre, con l'età, molti miei neuroni si sono un po anchilosati e quindi riesco a ragionare solo con la sciabola a due mani e non so più usare il fioretto o la penna, anche se intinta nel veleno. Tutto ciò premesso, mi sembra assolutamente giusto quanto Salvatore esemplifica e, per usare un linguaggio aulico, che il processo sia top-down o bottom-up non ha importanza. E' solo importante che il processo avvenga e chiunque lo ostacola deve essere..... denunciato, colpito, cancellato, sputtanato, definitivamente eliminato. E se qualcuno non si muove perchè ...tiene famiglia, allora si uniscano tutti quelli onesti "che tengono famiglia" sino a raggiungere una forza necessaria a vincere.
Attilio A. Romita

Attilio A. Romita05/01/2011 - 17:21
:):)