Le Linee Guida per l’Open Data dell’Associazione Italiana per l’Open Government

letto 1569 voltepubblicato il 14/04/2011 - 09:37 nel blog di Gianluigi Cogo

Open Data, tutti ne parlano, ma come si fa?

A questa domanda a dare una prima risposta con la stesura di un manualetto:

L'auspicio è che questo umile lavoro a cui, oltre al hanno contribuito e , possa essere un un riferimento per gli amministratori pubblici, i manager e tutti quei decisori che, convinti sulla bontà della filosofia che sorregge la disciplina dell'Open Data Government, non hanno ancora trovato la scatola degli attrezzi per passare dalla teoria alle azioni concrete.

Come tutte le scatole degli attrezzi, anche questa potrà essere riempita di nuovi strumenti e, grazie all'apporto di nuovi contributi, diventare un riferimento per dare finalmente anche all'Italia una strategia per il "governo digitale".

Cosa vuol dire Open Data? Perché l’Open Data rappresenta una strada verso l’Open Government, e perché l’Open Government è  uno strumento di sviluppo? Quali sono i principali problemi da affrontare quando si vuole “fare” Open Data”? Quali le tematiche giuridiche da tenere in considerazione? Quali gli aspetti tecnici e gli impatti organizzativi? A queste domande (ed a qualcuna in più) abbiamo voluto fornire una prima risposta, per consentire a tutti di iniziare a comprendere i motivi della centralità di questo tema per lo sviluppo del Paese.

Queste linee guida fanno seguito al , che la nostra associazione ha pubblicato a novembre dello scorso anno. Le prossime iniziative che contiamo di portare avanti grazie all’aiuto di un sempre più nutrito gruppi di esperti saranno annunciate nei prossimi giorni, nel corso di alcuni eventi ai quali stiamo lavorando.