La Trasparenza centrale e la Trasparenza distribuita: due strumenti complessi per migliorare la PA.

letto 3253 voltepubblicato il 16/06/2011 - 10:42 nel blog di Davide D'Amico

La trasparenza coinvolge una serie di aspetti complessi e può essere declinata in diversi modi. Nell'intervento "" dello scorso forumpa,   ho cercato di far capire due concetti, quello di trasparenza distribuita, quello di trasparenza centralizzata, come questi  siano collegati tra loro e il percorso che si sta facendo verso la trasparenza.

La trasparenza distribuita è quella che le amministrazioni attuano sui propri siti web attraverso la pubblicazione di una serie di contenuti, alcuni previsti dalla legge altri che riguardano servizi specifici erogati, etc. Questa trasparenza per essere efficace deve essere caratterizzata da standard e da metodologie condivise tra tutte le PA. E' anche per questo che nascono le linee guida sui siti web PA e l'importanza di seguire le regole stabilite per i contenuti minimi è fondamente ai fini di una corretta e sempre più uniforme trasparenza.

D'altro canto abbiamo la trasparenza centrale. Questa trasparenza è realizzata quando le amministrazioni comunicano una serie di adempimenti, previsti per legge, al Dipartimento della funzione pubblica, attraverso il nuovo sistema integrato PERLAPA. Tale trasparenza consentirà di avere in un unico punto, una serie di informazioni che potranno essere consultate da cittadini, imprese, professionisti e ricercatori, in formato aperto (OPEN DATA) e con licenza IODL. Dunque, per rendere questa trasparenza efficace occorre che le amministrazioni siano adempimenti, comunicando una serie di dati e di informazioni in questo nuovo sistema PERLAPA.

Dunque in estrema sintesi, quando una amministrazione è trasparente? Quando da un lato è trasparente a livello distribuito (cioè quando pubblica sui propri siti web una serie di contenuti minimi  (richiesti dalle varie normative e riportati in modo raggruppato nelle "linee guida sui siti web pa") rispettando gli standard definiti e dall'altro lato quando comunica una serie di informazioni nel sistema PERLAPA che poi si occuperà di aggregarle all'esterno in formati aperti.

 

4 commenti

Pietro Bin

Pietro Bin17/06/2011 - 10:41
Ciao Davide Ho visto la tua relazione, e sopratutto ho visto il lavoro relativo alle assenza nel tuo post precedente. Io mi occupo di performance e di trasparenza, volevo utilizzare i dati per fare dei report volanti rapportando i risultati di un ente particolare al dato provinciale, regionale e nazionale, in pratica volevo creare un vidget che "succhiasse" i dati del vostro db e dimanicamente creasse il report. Ora questo lo posso fare ma con soli dati statici estratti diciamo mensilmente in .csv, volevo chiederti se e' possibile un accesso dinamico, attraverso un'url o una querry da generare a run time. Grazie per la collaborazione
Davide D'Amico

Davide D'Amico17/06/2011 - 10:45
In realtà stiamo prevedendo, dei web service....ma ancora dobbiamo realizzarli. Questa potrebbe essere una soluzione. Ma a te interessava averlo per i permessi legge 104 al momento?
Pietro Bin

Pietro Bin17/06/2011 - 11:42
Io ho sviluppato un sw per la riforma Brunetta, ci sono due necessita' 1) Gli enti nel momento in cui devono impostare un target ( se non hanno dati storici interni) vogliono rapportarsi allo stato di fatto dell'obiettivo nel contesto nazionale, regionale o pricinciale, ovvero si vogliono misurare con gli altri enti, sotto questo aspetto ho raccolto una serie di indicatori e di target per vari settori, es. per gli asili nido attingo all'istat, che ha pero' dati vecchi e statici. Se ci fosse la possibilita' di avere una estrazione dinamica del dato da un db nazionale, capisci benissimo che si potrebbe fare un salto di qualita', ovviamente questo non e' legato espressamente alla 104, ma a tutti quei settori in cui esiste un dato raccolto da una amministrazione centrale come state facendo voi. 2) E' importante che il cittadino capisca che servizio gli viene dato, ora il riferimento del cittadino e' quasi sempre il suo comune, difficilmente andra' sul vostro portale, quindi io volevo creare uno strumento da linkare al sito del comune per fare un report all'utente finale (cittadino o azienda) in modo che possa avere una visione della situazione, con una reportistica semplice ad esempio con grafici. Il problema non e' legato solo alla 104 ma a tutti i dati di cui esiste un db tipo quello della 104, con dati dettagliati.
Davide D'Amico

Davide D'Amico17/06/2011 - 12:48
questa cosa la fai con l'utilizzo dei web service. In pratica le banche dati dovrebbero avere dei web service esposti che interrogano il db interno. In questo modo puoi agganciare la logica applicativa della reportistica direttamente con il db mantenendo la differenziazione di responsabilità dei vari domini. Ci arriveremo. Questa è la soluzione migliore, a mio avviso. Non è di immediata attuazione ma abbiamo previsto tale modalità di interazione. Devi avere un po di pazienza. a presto p.s.: comunque il file csv che ora ti puoi scaricare è generato a runtime da una query sulla banca dati quindi da ieri ad oggi potrebbe essere diverso.