Nel Comune di Fisciano è iniziata l’installazione di impianti di illuminazione a led

letto 1044 voltepubblicato il 13/07/2014 - 09:49 nel blog di Claudia Leone, in Osservatorio Spending Review

Il progetto, approvato con delibera di giunta municipale n. 67 del 12 aprile 2012, risponde alle esigenze di razionalizzazione delle risorse ed è indirizzato al risparmio energetico e alla tutela dell’ambiente.

E’ prevista l’installazione di 155 pali, 50 su via delle Industrie e 105 su Via Nuova Consortile, alimentati da pannelli fotovoltaici in silicio policristallino ad alto rendimento energetico che permette di ottenere un aumento notevole della corrente erogata. Gli stessi hanno una vita media tipica di oltre venti anni.

La realizzazione di questi impianti comporterà una spesa di 315.816,91 euro, di cui 252.786,27 euro per lavori e 63.030,64 euro per somma a disposizione, finanziati al 50% dalla Camera di Commercio e al 50% con fondi del bilancio comunale. L’appalto è stato aggiudicato con un ribasso del 21.12% alla ditta “Del Pezzo srl” con sede legale ad Angri e sede operativa in Fisciano. Il progetto esecutivo è stato redatto dall’arch. Angelo Aliberti dell’ufficio tecnico comunale, mentre la direzione dei lavori è stata affidata all’ing. Antonio Landi.

I lampioni ricaveranno l’energia necessaria al loro funzionamento esclusivamente dalla luce del sole immagazzinata di giorno in appositi accumulatori ed erogata di notte.

L’installazione di sistemi fotovoltaici ad isola consente notevoli vantaggi sia in termini economici che ambientali.

Inoltre, l’intervento permetterà di illuminare la viabilità senza dovere realizzare attività di demolizione e ricostruzione lungo il tratto stradale, ma solo nei luoghi di posa dei pali.

“Il Comune di Fisciano – dichiara il Sindaco, Tommaso Amabile – ha deciso di adottare una politica orientata al risparmio energetico e alla tutela ambientale per consegnare alle generazioni future un ambiente salubre e uno spazio territoriale pienamente funzionale sotto tutti i punti di vista”.  “L’intervento di pubblica illuminazione previsto nella Zona Industriale – continua il primo cittadino – è un primo esempio di pratiche energetiche che sfruttano tecnologie innovative e rinnovabili, come quella solare, per consentire una razionalizzazione delle risorse intelligente, implementando sistemi di risparmio per andare incontro alle esigenze della cittadinanza locale”. 

1 commento

Rita Pastore

Rita Pastore13/07/2014 - 11:07

La segnalazione di Claudia mi induce a fare una riflessione sull'esperienza dell'illuminazione pubblica a LED realizzata da un'altra amministrazione della provincia di Salerno, il Comune di Torraca, che ha fatto scuola in materia di efficienza energetica nell’illuminazione pubblica, avviando un progetto interessante fin dal 2007. L’iniziativa ha permesso un abbattimento dei consumi energetici e dell'impatto ambientale, oltre ad un consistente risparmio sulla bolletta energetica dell'amministrazione.
La cittadina circa 14.00 abitanti è stata la prima al mondo a potersi fregiare del titolo di Led City, ovvero di città illuminata completamente con la tecnologia a basso consumo energetico Led. Grazie a un investimento di 280 mila euro di fondi regionali, la vecchia rete di illuminazione è stata sostituita con una a Led con circa 700 punti luce installati. L'impianto è stato realizzato da una azienda cilentana, la "Elettronica Gelbison" di Ceraso, un altro piccolo miracolo imprenditoriale nato nel profondo Sud. Secondo le stime dell’amministrazione, i nuovi impianti hanno comportato un risparmio energetico di circa il 65%, e una riduzione dei costi di manutenzione pari a circa il 50% nonché del 90% dell’inquinamento luminoso.
La sperimentazione dell’amministrazione è riuscita a fare di Torraca un modello di sviluppo micro-economico sostenibile per tutto il Mezzogiorno diventando anche sede staccata della Seconda Università degli Studi di Napoli, oltre che una buona prassi a livello internazionale, che ha conseguito numerosi premi e riconoscimenti.