Tutto pronto per l’assegno di ricollocazione (art. 23. D.Lgs. 14 settembre 2015, n. 150)

letto 422 voltepubblicato il 19/12/2016 - 11:01 nel blog di Cosimo Martella, in Servizi innovativi per il lavoro, Servizi per l'Impiego

Maurizio Del Conte, Presidente dell’Anpal, (Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro) in data 12/12/2016 ha annunciato che è partita l’operazione “assegni di ricollocazione”. A breve, un campione di circa trentamila disoccupati, selezionati attraverso un sorteggio, riceveranno una lettera con le credenziali per poter accedere al bonus da spendere nei centri per l’impiego e nelle agenzie per il lavoro. L’art. 23 del Dlgs 150/2015 “1. Ai disoccupati percettori della Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego (NASpI) di cui al decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22, la cui durata di disoccupazione eccede i quattro mesi è riconosciuta, qualora ne facciano richiesta al centro per l'impiego presso il quale hanno stipulato il patto di servizio personalizzato di cui all'articolo 20, comma 1, ovvero mediante la procedura di cui all'articolo 20, comma 4, una somma denominata «assegno individuale di ricollocazione», graduata in funzione del profilo personale di occupabilità, spendibile presso i centri per l'impiego o presso i servizi accreditati ai sensi dell'articolo 12. L'assegno di ricollocazione è rilasciato nei limiti delle disponibilità assegnate a tale finalità per la regione o per la provincia autonoma di residenza ai sensi dell'articolo 24.”