Obbligo per le Onlus di pubblicare i contributi pubblici ricevuti nel 2017

letto 938 voltepubblicato il 21/02/2018 - 10:26 nel blog di Giuseppe Raffa, in Politiche per i Giovani

Entro il 28 febbraio 2018 le associazioni di protezione ambientale, di consumatori e degli utenti, le  associazioni, le Onlus e le fondazioni hanno l'obbligo di pubblicare nei propri  siti  o  portali  digitali,  le   informazioni   relative   a
sovvenzioni, contributi, incarichi retribuiti e comunque  a  vantaggi economici di  qualunque  genere, superiori a 10.000 euro,  ricevuti  dalle  pubbliche amministrazioni.

Lo prevede l'art 1, comma 125, 126 e 127, della Legge 4 agosto 2017, n.124. L'inosservanza di tale obbligo comporta per le associazioni onlus la  restituzione delle somme ai soggetti eroganti entro tre mesi a partire dal 28 febbraio 2018.

3 commenti

Nicola Catucci

Nicola Catucci21/02/2018 - 11:42 (aggiornato 21/02/2018 - 11:42)

Buongiorno, la legge decorre dal 2018, sicuro che bisogna pubblicare i contributi del 2017?

Poichè nei due link che seguono si parla che l'obbligo va in vigore del prossimo anno: 

Grazie per eventuale risposta e cari saluti

n.c.

CAMA 

Giuseppe Raffa

Giuseppe Raffa21/02/2018 - 12:33

Io suggerisco di chiedere direttamente alle amministrazioni pubblihe che hanno erogato alle singole associazioni i contributi, cercando di avere da loro una risposta ufficiale (formale e non ufficiosa).

Giuseppe Raffa

Giuseppe Raffa21/02/2018 - 12:29

La norma è abbastanza chiara in merito. C'è un obbligo alla pubblicazione da parte di tutti, anche delle strutture che in teoria non hanno siti web.

La vera questione è chi dovrebbe controllare. Il comma 129, dell'art. 1 della Legge n.124/2017 lascia intendere che sono le stesse amministrazioni che hanno concesso il contributo. Nel caso dovrebbero procedere alla richiesta di restituzione delle somme, iniziando a non erogare eventuali saldi ancora da versare.