L’IMPOSIZIONE DELLE DITTE SUBFORNITRICI COME STRUMENTO DELL’INFILTRAZIONE MAFIOSA

letto 672 voltepubblicato il 20/11/2018 - 11:07 nel blog di Ilenia Filippetti, in FORUM APPALTI, Integrità, Open Government, Sviluppo Locale

Le organizzazioni mafiose riescono ad imporsi attraverso le estorsioni per l’accaparramento di opere nel campo dell’edilizia e mediante l’imposizione delle proprie ditte nel settore degli appalti pubblici da realizzare sul proprio territorio.

È questo il principio affermato dalla quinta sezione della Cassazione penale con la sentenza n. 51746 pubblicata il 16 novembre 2018.